Romeni in fuga speronano i carabinieri

Inseguimento «da brivido» l’altra notte sulla via Casilina, alle porte di Roma. Ladri d’auto fuggono alla vista dei carabinieri, speronano più di una volta i militari finché non vengono arrestati. Gli autori della «bravata» tre cittadini romeni senza fissa dimora, due ragazzi di 20 e 25 anni e una ragazza di appena 19 anni, tutti irregolari col permesso di soggiorno. I tre nel cuore dell’altra notte erano stati intercettati da una pattuglia del nucleo radiomobile di Palestrina nella zona di Zagarolo, in via Valle del Formale. Un quartiere isolato di villette dove forse il piccolo commando aveva intenzione di mettere a segno un colpo. Intanto, avevano già rubato la Ford Fiesta sulla quale viaggiavano. Furto denunciato dal proprietario, un 49enne di Labico, poche ore prima, intorno alle 22. Alla vista dei carabinieri i tre hanno premuto il piede sull’acceleratore, imboccando la Casilina in direzione della Capitale. Immediato l’allarme della sala operativa del 112 a tutte le auto in servizio sulla direttrice. Ne nasce una «caccia» mozzafiato. I militari tallonano la Fiesta, i romeni speronano e tentano di mandare fuori strada le pattuglie lanciate all’inseguimento. La folle corsa termina in località «Laghetto» dove gli stranieri vengono finalmente bloccati e arrestati per lesioni a pubblico ufficiale, ricettazione e danneggiamento aggravato. Da oggi, intanto, a comandare la compagnia dei carabinieri di Palestrina non sarà più il tenente Michele Meola, ma il tenente Antonio De Rosa. Meola, invece, assumerà il comando del nucleo operativo radiomobile di Frascati.