Romero mette Bush tra i cattivi

LA TERRA DEI MORTI VIVENTI. Sono anni che George Romero, il re americano dell’horror, continua a fare lo stesso film. Ricicciando per la centesima volta «La notte dei morti viventi», immagina che gli zombi abbiano, tanto per cambiare, invaso il mondo. I poveri sopravvissuti chiedono aiuto ai ricchi, come il perfido miliardario Kaufman (Dennis Hopper) al sicuro in un grattacielo inaccessibile. Figurarsi come gongola la critica antifascista: quello è Bush!
Massimo Bertarelli