Ron: ecco il concerto «teatrale»

Fra musica e teatro lo speciale concerto-recital «L’altra parte di Ron» approda all’Auditorium-Parco della Musica, sala Petrassi, ore 21. Il popolare cantautore, al secolo Rosalino Cellamare, si racconta in uno show inedito e originale che arriva finalmente a Roma. Uno spettacolo che Ron vivrà in solitaria sul palco sia come attore che come cantante, in un poetico e profondo viaggio tra musica e parole. Ron interpreterà i personaggi che sono stati protagonisti delle sue canzoni e che diventano il punto di partenza per percorsi musicali, ma anche riflessioni e racconti sui genitori, l’amico d’infanzia, il vicino di casa, il collega musicista. Il testo, raccolto e riportato in forma teatrale dal regista e drammaturgo Stefano Genovese, nasce proprio dagli incontri e scambi di opinioni tra Ron e i cinque personaggi rappresentati. Amore, amicizia, spiritualità, ma anche la malattia, il testamento biologico, i conflitti familiari e professionali, sono le tematiche rappresentate in un recital musicale divertente e profondo allo stesso tempo. Non è la prima volta che l’artista autore di brani popolari come Joe temerario, Una città per cantare e A modo mio si propone nella veste di attore. Tra gli altri lo ricordiamo in film come L’Agnese va a morire di Giuliano Montaldo e In nome del papa Re di Luigi Magni. È la prima volta però che Ron propone e interpreta una pièce teatrale scritta appositamente per lui. Sul palco insieme con il cantante ci sarà l’amico Mario Melazzini, medico oncologo nonché presidente dell’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica (Aisla), malattia di cui lo stesso specialista è affetto da più di cinque anni. «È importante per me la sua presenza sul palco - ha detto Ron - e ritengo sia importante che certi argomenti fondamentali e seri, siano portati al pubblico».