Ronde contro i rom: «Subito il muro»

Un muro che divida il campo nomadi di via Triboniano dalle case. È quanto chiedono gli abitanti della zona. «Siamo costretti a vivere nell’insicurezza e nel degrado, assediati da oltre 500 zingari. Facciamo le ronde per controllare che non entrino nelle nostre case, ma siamo anziani, non ce la facciamo più» denunciano i residenti, che combattono da vent’anni contro l’abbandono dell’area.
Il vicesindaco Riccardo De Corato, che è anche assessore alla Sicurezza, ha raccolto gli sos dei residenti. Per il muro, dice, «farò un sopralluogo, se è tecnicamente possibile e non ci sono controindicazioni lo faremo. Ma un muro non ferma l’illegalità. Non si può tollerare la presenza di 600 persone su quell’area, occorre che 4-5 Comuni dell’hinterland creino un mini-campo per 50 rom ciascuno. Se li sgomberiamo senza avere strutture pronte fuori Milano, il problema ricade sempre su noi stessi».