Ronde padane sugli autobus: «I rom di Chiaravalle li devastano»

Salvini: «Inziativa a tutela della legalità per volontari di robusta corporazione»

Chi volesse collaborare, si presenti «armato di cellulare, occhi aperti e sana e robusta corporazione». Le magliette con la scritta «Milano libera», assicura il capogruppo comunale della Lega, Matteo Salvini, saranno distribuite dagli organizzatori. Dopo le «passeggiate» anti-rom nelle baraccopoli, Salvini ha organizzato un’altra spedizione «a tutela della legalità». Questa volta, le ronde padane - a partire da mercoledì - saliranno a gruppi di tre sugli autobus che corrono lungo la linea 77, da Porta Romana a Chiaravalle, in prossimità dei campi nomadi abusivi. «Nonostante gli impegni e le promesse di sgombero che siamo sicuri verranno mantenute a breve - spiega il capogruppo del Carroccio - i cittadini di Chiaravalle lamentano ancora il fatto che prendere l’autobus per andare a casa è un’impresa impossibile». Su una qualsiasi delle 134 corse giornaliere della 77, sintetizza, «si registrano con frequenza impressionante casi di scippi, aggressioni, vandalismi, trasporto di taniche di benzina, persino defecazioni a bordo». I residenti che utilizzano i mezzi per spostarsi hanno segnalato la situazione alle autorità, ma «ancora purtroppo non si sono viste - riferisce Salvini -. Per questo la Lega da mercoledì prossimo organizzerà tutte le mattine un servizio di “tutela della legalità violata” a bordo dell’autobus». Le ronde saranno «aperte ai cittadini volontari della zona che vorranno unirsi a noi».
Nei giorni scorsi il vicesindaco Riccardo De Corato ha preannunciato a breve un robusto sgombero nell’area di Chiaravalle, ma il capogruppo della Lega assicura che «se non avverrà entro mercoledì, partiremo almeno con il nostro servizio».