Ronzitti: «Ecco perché ho cambiato le regole»

«Sì, è vero, abbiamo riscritto il regolamento del gruppo misto, ma non si poteva fare altrimenti». Giacomo Ronzitti, presidente del consiglio regionale della Liguria, ci tiene a chiarire perché ora finalmente Fabio Broglia potrà tornare a fare il capogruppo, seppur per soli sei mesi. «Il mio intervento non è stato dettato da motivi politici e il coordinatore dell’Udeur, il signor Cifarelli che non conosco, può stare tranquillo che non si è trattato di un incidente di percorso - precisa subito Ronzitti - Dovevo intervenire perché lo Statuto della Regione, che io stessi ho contribuito a scrivere nella scorsa legislatura, prevede che venga salvaguardato il diritto di ogni consigliere a essere tutelato e rappresentato». Chi sta nel gruppo misto però non appartiene allo stesso partito. E a volte è addirittura su posizioni opposte. D’accordo, Fabio Broglia, membro dell’esecutivo Pd, preferisce rinnegare il suo partito quando si tratta di incarichi in consiglio, ma non può certo pensare che la centrista Roberta Gasco lo rappresenti alla perfezione. «Quindi anche lui ha diritto a essere capogruppo a rotazione - aggiunge Ronzitti - E il gruppo misto aveva cambiato il suo regolamento evitando questa rotazione. Ho più volte cercato di convincere tutti a trovare un accordo, un gentlemen agreement. A questo punto faccio rispettare i principi superiori dello Statuto. E comunque tutti e tre i consiglieri del gruppo misto avevano scritto lettere con opinioni diverse. Sono stato imparziale applicando la norma».