Rosella Sensi, una donna in Lega

Un manifesto alle «pari opportunità». A questo somiglia l’elezione di Rosella Sensi a vicepresidente vicario della Lega Calcio. Prima volta di una donna nelle alte sfere del calcio italiano e cambio di rotta rispetto alla gestione precedente, con una dirigente romanista a ricoprire un ruolo istituzionale. Rosella Sensi, figlia del presidente della Roma Franco Sensi e amministratore delegato della società giallorossa, è stata eletta dai presidenti di serie A e B come vice di Antonio Matarrese. La Sensi, 35 anni, ha battuto la concorrenza del numero uno del Palermo Maurizio Zamparini, già vice di Adriano Galliani. «Sono emozionata e contenta - ha esordito Rosella Sensi -. Ora dobbiamo essere compatti e ridare credibilità a tutti i tifosi». L’ad romanista ha incassato i complimenti e gli auguri sia di Matarrese che del suo avversario Zamparini, mentre qualche mugugno si registra in ambiente laziale: le parole della Sensi, che non si era detta dispiaciuta per un’eventuale retrocessione dei biancocelesti in B, non sono state dimenticate.