Rossi accusa: «Siamo al limite Rallentiamo»

Valentino Rossi ha espresso la propria idea sulla proposta della Federazione di ridurre la cilindrata dei mezzi partecipanti al campionato mondiale di MotoGP. E come al solito non ha usato mezzi termini. «Ci stiamo avvicinando al limite – ha spiegato il centauro di Tavullia –. Di questo passo presto guideremo moto troppo veloci perché un essere umano sia in grado di controllarle».
La Dorna vorrebbe portare, nel 2007, la cubatura dei motori della classe regina da 1000cc a 800, per garantire maggiore sicurezza ai piloti. «È una scelta intelligente per la nostra incolumità – ha detto Rossi – ma tutte le case dovranno ricominciare da zero. Bisognerà lavorare il doppio per preparare i motori».
Incalzato sul suo futuro, Valentino ha fugato ogni dubbio. «Sono quasi certo di essere in MotoGP quando le regole cambieranno».
Ieri, prime prove a Donington su pista umida. Miglior tempo di Barros, mentre Vale è settimo.