Rossi lancia il Genoa in fuga, il Verona lo riprende nel finale

Luca Russo

da Verona

Non riesce al ìGenoa la grande fuga. Al Bentegodi finisce 1-1 al termine di un match sicuramente non spettacolare e spigoloso con i rossoblu un po' appannati di fronte ad un Verona spuntato, ma volitivo. Il Grifone mantiene comunque la testa della classifica con due lunghezze di vantaggio sul Rimini. Il gruppo di Gasperini si fa inizialmente sorprendere dall'inizio arrembante degli scaligeri. Poi esce fuori va in vantaggio grazie ad una perla di Rossi. Nella ripresa la squadra del presidente Preziosi manca un po' di lucidità il Verona ci prova e alla fine riesce nell'impresa del pareggio con Greco, quello gialloblù. Dai mille tifosi rossoblu arrivati al Bentegodi c'è comunque il tributo a Monica De Mari, la vigilante uccisa a Carasco che ieri dove essere lì con loro.
BARASSO 5.5 Chiude bene lo specchio della porta anche se in uscita desta qualche preoccupazione.
CRISCITO 5.5 Manca Bega squalificato e lui, sinistro, viene sacrificato a destra. Non mostra la solita sicurezza che gli ha guadagnato il titolo di giovane Maldini.
DE ROSA 6 Il tridente del Verona non avrà qualità, ma ci mette l'anima per mettere in difficoltà la difesa e qualche volta ci riesce mandando in affanno anche un giocatore d'esperienza come lui.
BIASI 6. Si vede che sente molto la partita, qualche disimpegno non è proprio da manuale, ma poi salva sulla linea una pericolosa conclusione di Iunco. Nella ripresa ROSSI 7 Silente, ma in agguato. Nel primo tempo non sembra la solita freccia, le azioni più importanti arrivano dalla sinistra, ma è solo una questione di numeri. Quello più importante è il suo con il gol capolavoro al 44'. Nella ripresa cresce e prende per mano la squadra con continue accelerazioni.
COPPOLA 6 E' il solito mastino, ma la conclusione verso la porta è roba per altri e lui si ostina un po'. Poi si sacrifica a destra in un secondo tempo che diventa un po' lo specchio di un Genoa per una volta un po' troppo approssimativo.
MILANETTO 6.5 Attento, preciso. Conquista palla, prende compasso e riga e ancora una volta disegna il centrocampo. (Dal 27' st JURIC 5.5).
FABIANO 6.5 Spinge e molto e qualche volta paga dazio con Iunco che dalla sua parte sembra imprendibile. In fase offensiva non sempre è supportato da Sculli e allora prende l'iniziativa con profitto. Nella ripresa sfiora il gol dopo una triangolazione con Adailton.
ADAILTON 6.5 Torna al Bentegodi da avversario. Su di lui piove anche qualche fischio ingeneroso. È un professionista, non ci fa caso e delizia subito tutti con un colpo di tacco nei pressi dell'area gialloblù che Criscito non capitalizza. È suo l'assist che consente a Rossi di gonfiare la rete. Nella ripresa rallenta il ritmo. (Dal 36' st Aurelio sv)
GRECO 5.5 Si presenta davanti a Pegolo e fallisce il gol. Non è al top e si vede, ma si danna comunque per i compagni. (Dal 15' st LONGO 6 Diligente).
SCULLI 6 Dovrebbe fare l'attaccante, ma la prima cosa importante la fa in difesa quando nel primo tempo Barasso esce male e lui spazza via. Viaggia a corrente alternata.
GASPERINI 6 Meno convincente del solito con i cambi che non lo premiano. Juric non gira mentre Longo non fa il vice Milanetto.
Arbitro AYROLDI 5.5 mediocre