Rossi, pace col fisco da 35 milioni

Il campione di Tavullia ratifica la "pace fiscale" con l'Agenzia delle entrate di Pesaro: 19 milioni di euro per il periodo 2001-'04. In via di definizione la somma per il biennio 2005-'06. Vale: "Ora sarò più sereno in pista"

Pesaro - Valentino Rossi fa pace con il Fisco: verserà all’erario circa 19 milioni di euro per gli anni 2001-2004. A questi si aggiungerà una somma per il biennio 2005-’06 in via di definizione. L’importo complessivo del periodo 2001-2006 sarà di circa 35 milioni. Per l’anno 2007, Rossi presenterà una dichiarazione fiscale come contribuente italiano a tutti gli effetti. In una nota diffusa prima della conferenza stampa Valentino Rossi si è detto "molto contento di come si è risolta questa difficile vicenda, perché penso che sarò più sereno e di conseguenza più concentrato sul mio lavoro. Per una serie di ragioni - dice - avevo già deciso di tornare a vivere in Italia. Londra è una città molto interessante, ma passare più tempo con la mia famiglia e i miei amici stava diventando un bisogno sempre più grande visto che i miei impegni in giro per il mondo mi fanno stare fuori per più di metà anno. Non potevo tornare ad avere problemi con il fisco italiano. Non potevo neanche permettermi - spiega - un lungo ed estenuante contenzioso. Trovare l’accordo con l’agenzia delle entrate mi permetterà di arrivare preparato e tranquillo all’inizio di questo nuovo campionato del mondo".