Rosso, il «marito» del Pdl tornato a casa per amore

Roberto Rosso, 51 anni, avvocato. È il traditore pentito, come certi mariti. Nella Dc già a 19 anni, poi azzurro della prima ora, aveva lasciato il Pdl per seguire Fini con grande fermezza: «A Berlusconi spiegherò che il mio passaggio al Fli è irrevocabile». Poi però ha fatto dietrofront, spiegando di poter persino accettare «un’alleanza liberale orientata a sinistra», ma non di militare in «un partito con l’ossessione dell’antiberlusconismo» \