Rostand, il poeta che resuscitò l’eroe francese

Edmond Eugène Alexis Rostand (1868–1918) è stato un drammaturgo francese, che deve la sua celebrità soprattutto all’opera teatrale Cyrano de Bergerac. Nato a Marsiglia, Rostand si laureò in legge a Parigi, dove si iscrisse all’ordine degli avvocati, ma senza mai esercitare. Nel 1888 scrisse il suo primo pezzo teatrale, Le gant rouge, nel 1890 il volume di poesie Les musardises. Il primo successo vero, però, è del 1894 con Les romanesques, opera in versi rappresentata alla Comédie française. Quando Coquelin Aîné chiese a Rostand di scrivergli un lavoro, nacque il Cyrano de Bergerac, la cui prima rappresentazione (1897) al Théâtre de la Renaissance procurerà una gloria immensa al suo autore. Già all’intervallo, la sala esplose in un roboante applauso, e persino un ministro venne a cercarlo dietro le quinte, staccandosi dal petto la Legione d’onore per appuntarla al drammaturgo. Con il Cyrano, Rostand aveva saputo dare al romanticismo di Victor Hugo un fondo storico, esaltando l’idea di un carattere nazionale francese.