Rostock, ancora assalti dei black bloc

Dopo i <strong><a href="/a.pic1?ID=182511">disordini di sabato</a></strong> nuovi incidenti tra polizia e sinistra antagonista. Al termine di un corteo contro il G8 circa 400 autonomi si sono scontrati con le forze dell’ordine: 4 dimostranti arrestati

Rostock (Germania) - Dopo i disordini di sabato, in mattinata si sono verificati nuovi incidenti tra polizia e dimostranti a Rostock (nord-est della Germania). Al termine di un corteo contro le politiche dei Paesi del G8 sull’immigrazione, circa 400 black bloc si sono scontrati con le forze dell’ordine. Alcuni gruppi hanno lanciato bottiglie contro gli agenti. Il bilancio è di quattro dimostranti arrestati; un fotoreporter è rimasto lievemente ferito. Poco prima alcune centinaia di manifestanti avevano occupato temporaneamente l’ufficio per gli immigrati a Rostock, per protestare contro le politiche tedesche sulla concessione dell’asilo agli immigrati. Al successivo corteo, svoltosi per lo più pacificamente, hanno preso parte circa mille persone. La polizia ritiene che circa duemila dimostranti violenti, responsabili degli scontri di sabato in cui sono rimaste ferite quasi mille persone, si trovino ancora nella zona di Rostock. Il ministero degli Interni ha intanto comunicato che, dal primo giugno, data in cui la Germania ha ripreso i controlli alle frontiere, sospendendo l’accordo di Schengen, a 85 persone è stato impedito l’ingresso nel Paese.