Rotary, nove libri in dieci lingue per aiutare gli stranieri in Italia

Le parole-chiave dei lavori più gettonati tra gli extracomunitari in un manuale in dieci lingue differenti. Il dizionario delle badanti, il manuale del falegname, il vademecum per la prevenzione degli infortuni, «uno dei problemi più urgenti per i lavoratori stranieri che spesso non capiscono le norme di sicurezza» spiega Renato Cortinovis, presidente della Commissione del Rotary Club che ha lanciato il progetto «Alfabetizzazione». Un’idea nata nel 2000 con il sito Internet «Benvenuti in Italia» e poi spostata sul binomio lingua-lavoro: prima con dei glossari on line che ora diventano manuali cartacei per aiutare gli immigrati a prendere confidenza con il loro mestiere. Cinque libri pubblicati, due sulle rotative della tipografia, come quello dell’edilizia e della sartoria, altri due come strenna natalizia: il «Dialogo tra malati e medici» e «Dall’Abc alla parola» per «gli analfabeti ma anche per cinesi e russi che usano caratteri diversi dai nostri». Prende forma intanto, con due progetti di formazione, l’asse Milano-Sanpietroburgo creato con l’accordo siglato dall’assessore Carlo Magri e il vicegovernatore della città russa Viktor Lobko. Il primo, diretto dal consigliere Andrea Mascaretti, formerà 25 manager russi nel settore dei servizi sociali. Il secondo: l’aggiornamento di 10 manager e 30 funzionari del Pulkovo Airport di San Pietroburgo sulla sicurezza e il coordinamento aeroportuale.