"Rousseau è già sicuro": il M5S snobba il Garante

I Cinque Stelle replicano al garante per la privacy che li accusa di illeciti sulla piattaforma Rousseau: "Problemi già corretti dopo l'attacco hacker di agosto

Il Garante per la privacy li bacchetta perché il loro "sistema operativo" non rispetta la normativa e i grillini fanno spallucce.

Il M5S difende Rousseau dalle accuse di commettere illeciti sul trattamento dei dati e sul voto online del movimento, sostenendo che si tratta di rilievi su una versione precedente della piattaforma.

"In seguito all'attacco hacker dello scorso mese di agosto sono già state attivate le procedure per mettere in sicurezza il sistema Rousseau e la polizia postale ha condotto un'indagine sugli autori degli attacchi", dice l'associazione Rousseau - controllata dalla Casaleggio Associati - che gestisce la piattaforma di democrazia partecipativa dei Cinque Stelle, "A tal riguardo le richieste e le raccomandazioni del garante per la privacy sono già state accolte. Ringraziamo il garante e la polizia postale per la collaborazione".

Commenti

Morion

Mer, 03/01/2018 - 11:15

Una nullità del calibro di Antonello Soro va prima sbertucciato e poi mandato a vacche. Garante della privacy, ma chi, Antonello Soro? Povera Italia come sei ridotta!

Marcello.508

Mer, 03/01/2018 - 11:35

Anche i crackers si aggiorneranno.. Questo sistema a mio avviso non permette una valutazione ampia e completa delle decisioni degli iscritti. Il web tutto è meno che sicuro come si pretende di dimostrare.

veronica01

Mer, 03/01/2018 - 11:44

Se hanno già provveduto, gli articoli sono a scoppio ritardato. Sarebbe corretto invece pubblicare la situazione delle indagini contro i criminali che hanno violato la piattaforma. Sono stati individuati, chi sono?