Rozzano L’Oftal celebra i suoi primi cinquant’anni

Sarà una giornata di festa quella di oggi, alla Cascina Grande a Rozzano per celebrare i cinquant’anni di riconoscimento ufficiale della sezione milanese di Oftal, Opera federativa ammalati a Lourdes. Fu Sua Eminenza il Cardinale Giovanni Battista Montini, futuro Paolo Vi, a sottoscrivere all’associazione il 30 agosto 1959, un attestato di benevolenza e di fiducia. «Sono lieto di dare all’Opera stessa - scriveva il cardinale - la desiderata adesione per lo scopo pio, caritatevole e benefico ch’essa si propone, e per lo spirito cristiano che la guida». E per festeggiare l’evento, alle undici di stamani è previsto un incontro con Mario Melazzini, presidente di Aisla (Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica). Ma ci saranno anche gli stand per i bambini, il pranzo comunitario e alle 16 la Messa solenne di ringraziamento. «Vogliamo continuare ad essere fedeli al messaggio che ci ha rivolto il Cardinal Montini nel 1959 - ha detto il presidente di Oftal, Giorgio Caprino -. La nostra associazione non può essere una semplice agenzia di viaggi, ma deve privilegiare l’attenzione ai poveri, la preghiera, la formazione del personale».