Il Ruanda rompe le relazioni con la Francia

Kigali. Il ministro degli esteri del Ruanda, Charles Murigande, ha annunciato ieri la rottura delle relazioni diplomatiche con la Francia e ha dato 24 ore di tempo all'ambasciatore francese per lasciare il Paese. Il ministro ha aggiunto di avere dato agli altri diplomatici francesi 72 ore per fare altrettanto. Il Ruanda ha contemporaneamente ritirato il proprio ambasciatore a Parigi. La crisi è scoppiata in seguito al mandato di cattura emesso l’altro giorno da un giudice francese nei confronti del presidente ruandese Paul Kagame, un tutsi, accusato di essere il mandante dell’uccisione, nel 1994, dell’allora presidente ruandese Juvenal Habyarimana, di etnia hutu. La morte di Habyarimana scatenò la caccia ai tutsi, considerati dagli hutu responsabili della morte del presidente. In 100 giorni furono uccisi 800mila tutsi.