Rubano abiti firmati, 4 arrestati

Non è certamente la prima volta che bande di delinquenti si recano all’interno di centri commerciali outlet, dove entrano a mani vuote ed escono con sacche piene di merce di ogni tipo, soprattutto capi d’abbigliamento firmati, eludendo i sistemi antitaccheggio e riuscendo poi a mimetizzarsi tra la folla. Quando alle casse se ne accorgono è sempre troppo tardi ed inutili risultano le ricerche. Questa volta però a finire nei guai sono stati quattro insospettabili giovani, tutti studenti universitari, che ieri hanno avuto la malaugurata idea di fare spesa grossa all’outlet di Castel Romano prendendo di mira il negozio «Nike&Lewis». La banda si è presentata all’interno dell’esercizio commerciale a mani vuote e con al seguito soltanto alcuni strumenti per disinnescare e manomettere le placche antitaccheggio attaccate agli abiti: abiti che venivano indossati all’interno degli spogliatoi e quindi trasportati all’esterno e depositati dentro il bagagliaio di un’auto.
La tecnica era collaudata, ma i movimenti non sono però passati inosservati ad alcuni addetti alla sicurezza, che accortisi dei continui spostamenti sospetti dei quattro, hanno avvisato i carabinieri della stazione Tor de’ Cenci e nel frattempo hanno continuato a seguire i movimenti del gruppo. All’arrivo dei militari i quattro sono stati fermati, perquisiti e trovati in possesso di capi d’abbigliamento per un valore complessivo di circa mille euro, oltre che di arnesi da scasso utilizzati per smontare i sistemi antitaccheggio. I giovani (A.A., 19 anni, V.A., 19 anni, M.Y., 18 anni, tutti residenti ad Aprilia e T.I., 21 anni, romano) sono stati arrestati con l’accusa di furto aggravato in concorso in attesa di essere processati per direttissima.