Ruby, la Camera vota sul rinvio degli atti alla procura

I deputati devono decidere se respingere o meno la richiesta di
perquisizione dell’ufficio del ragionier Spinelli, che sino ad
ora non è avvenuta perché di pertinenza della segreteria
politica di Berlusconi, nell’ambito dell’inchiesta sul
"caso Ruby", che vede il premier indagato per i reati di concussione e prostituzione minorile

Roma – Il voto di Montecitorio è previsto nel tardo pomeriggio, dopo un dibattito - che si preannuncia infuocato - che inizierà intorno alle 15. I deputati devono decidere se respingere, o meno, la richiesta di perquisizione dell’ufficio del ragionier Giuseppe Spinelli (che sino ad ora non è avvenuta in quanto è considerato pertinenza della segreteria politica dell’onorevole Berlusconi), nell’ambito dell’inchiesta sul "caso Ruby", che vede il presidente del Consiglio indagato dalla procura di Milano per i reati di concussione e prostituzione minorile. La Giunta per le autorizzazioni a procedere ha respinto gli atti inviati alla Camera dai pm, ritenendo competente il Tribunale dei ministri. Ora l’ultima parola, come previsto dalla Costituzione, spetta all’assemblea. La Camera come da prassi dovrebbe esprimersi con voto palese.