Ruby, i pm accelerano: "Serve rito immediato, Silvio subito alla sbarra"

I giudici di Milano hanno fretta di portare Berlusconi alla sbarra. Secondo alcune indiscrezioni la richiesta di processo con rito immediato per il Cavaliere dovrebbe arrivare entro la settimana<strong><a href="/interni/bocchino_scalda_rivolta_piazza_anti_cav_il_premier_si_dimetta_o_finira_come_mubarak/politica-pdl-berlusconi-giustizia-governo-bocchino-repubblica-fli-d_alema-pd-grande_ammucchiata-guerra_civile-ben_ali-rivolta-dimissioni-premier/31-01-2011/articolo-id=503017-page=0-comments=1"></a></strong>

Milano - I pm hanno fretta e vogliono trascinare Silvio Berlusconi in tribunale, il prima possibile. La richiesta di processo con rito immediato nei confronti di Silvio Berlusconi, indagato per concussione e prostituzione minorile, arriverà entro la fine di questa settimana. Lo riferiscono fonti giudiziarie. La formalizzazione verrà inviata al gip Cristina Di Censo nei prossimi giorni. Una decisione che giunge all’indomani dell’interrogatorio della consigliera regionale Nicole Minetti, sentita ieri dai pm Ilda Boccassini, Pietro Forno e Antonio Sangermano. 

Non "solo" le 600 pagine Non vi saranno soltanto le circa 600 pagine di atti inviati in due successive tranche alla Camera nella richiesta di processo con rito immediato per Silvio Berlsuconi, che sarà formalizzata in settimana. La Procura di Milano intende depositare al gip Cristina Di Censo anche altre "carte". Insomma il deposito del materiale raccolto dalla procura nell’inchiesta sul cosiddetto caso Ruby, che vede indagato il premier per prostituzione minorile e concussione, sarà costituito da migliaia di documenti che il gip dovrà esaminare nei prossimi giorni 

Giovedì il voto della Camera L’Aula della Camera esaminerà la richiesta di perquisizione nei confronti del ragioniere di Silvio Berlusconi, in relazione al caso Ruby, giovedì 3 febbraio dalle ore 15. Lo ha deciso la conferenza dei capigruppo di Montecitorio.