Ruggieri toglie lo Spezia a Tonnellotto e lo dà al sindaco

da La Spezia

La notizia è ufficiale, dopo ore di falsa informazione e tattica, dopo le proteste di alcuni tifosi, a darla è lo stesso presidente dello Spezia Giuseppe Ruggieri ai microfoni di Sport Italia alle 14 di ieri. L’accordo con Flaviano Tonnellotto, l’immobiliarista veneto che nei giorni scorsi aveva firmato un pre-contratto per l’acquisto dei due terzi dello Spezia Calcio, è saltato. Il tutto a meno di 48 dall’annuncio dell’avvenuto passaggio.
«Mi sono incontrato con Flaviano Tonellotto - ha spiegato lo stesso Ruggieri - Siamo tornati indietro sulla decisione nonostante lui sostenga di avere una cordata alle spalle. Ho preso atto della reazione della città, dell'intervento delle istituzioni cittadine e di comune accordo abbiamo deciso di rescindere il pre-contratto».
La crisi societaria dello Spezia, che si somma a quella sportiva, sta arrivando all’apice. Un crollo verticale che potrebbe finire con la consegna delle chiavi dello stadio e dei libri contabili, martedì mattina, in municipio. «Tonellotto non sarà più nello Spezia, le istituzioni mi hanno convinto e da loro aspetto soluzioni per lo Spezia Calcio - conferma ancora Ruggieri - io rimarrò presidente ancora per qualche giorno, poi vedremo che cosa succederà». (...)