Rui Costa e Seedorf senza idee Shevchenko segna e fa segnare

MILAN
KALAC 6. Poco, ma fatto bene sapendo di essere solo un rincalzo.
SIMIC 6. Ha sgomberato la mente, produce, tampona, traversa di testa.
COSTACURTA 6. Cavaliere senza tempo e una traversa nemica.
KALADZE 6,5. Energico, trova la lama per innescare Pippo.
JANKULOVSKI 5. Catena corta, freno a mano, invisibile.
GATTUSO 6. Non c’era furore, lui andava fuori giri.
VOGEL 5,5. La paura di sbagliare, compitino e via.
SEEDORF 5. Non fategli tagliare i capelli, idee al coperto (1’st KAKA 6.5. Zorro, dove bevevano i sergenti Garcia).
RUI COSTA 5. Telefonate che non arrivano, perde passo troppo presto, non crea, non trova un varco (11’ st PIRLO 5,5. Non tanto dinamico, piede freddo).
INZAGHI 7. Il cavaliere elettrico ti ossessiona, vero cobra, magari anche fortunato, intanto doppietta e tanti saluti.
GILARDINO 5. Ha lasciato tutto nel lenzuolo della Nazionale (25’ st SHEVCHENKO 6,5. Quando entra con la faccia da morticino bisogna diffidare, senza angosce trova le sue armonie, segna e, per caso, fa anche segnare).
ALL: ANCELOTTI 6,5. Ha dato opportunità ai sofferenti da panchina lunga, si è corretto in corsa per non regalare niente.
EMPOLI
BALLI 5,5. Esce a vuoto sul colpo di testa di Simic che va sulla traversa. Poi non deve mai parare.
RAGGI 6. Non soffre Gilardino, è ordinato.
PRATALI 5,5. La pubalgia lo tormenta, perde il contrasto con Costacurta che poteva costare il gol (28’ st ASCOLI 5. Prende in faccia un treno in corsa).
VANIGLI 6. Devia il tiro di Pippo, ma per il resto gioca bene.
TOSTO 5,5. Non osa, protegge, ma non spinge.
BUSCÈ 6. Ordine e fatica.
MORO 6. Manda dietro la lavagna chi fa i compitini.
FICINI 6. Lavoro oscuro.
ALMIRON 6. Parte benissimo, poi resta schiacciato.
P. ZANETTI 6. Non ha mai mollato, lottando bene (35’ st TAVANO sv).
RIGANÒ 5. Torre friabile, non ha mai trovato uno spazio (34’ st POZZI sv)
ALL: CAGNI 6. Strategicamente ha tenuto il Milan in scacco per 77 minuti.
ARBITRO DONDARINI 6. Facile anche a carnevale.