Rusconi e nuovo palazzetto: la Cambiaso Risso sogna

Per il futuro, gli obbiettivi della Cambiaso Risso -Effe 2000 sono ambiziosi: portare a Genova il grande basket. E poi, farcelo rimanere a lungo, magari puntando forte sul progetto di un nuovo palazzetto dello sport, paventato ieri dall’assessore allo Sport del Comune Paolo Striano.
Intanto, per la nuova stagione cestistica che la Cambiaso Risso quest’anno disputerà nel campionato nazionale di serie B2, il team genovese è già riuscito a mettere sotto contratto e a portare sotto la Lanterna un grandissimo giocatore di pallacanestro. Stefano Rusconi, ex nazionale e primo giocatore italiano a esibirsi sui campi dell’Nba, che è stato presentato ieri mattina al Jolly Hotel Marina insieme al resto della squadra.
L’obbiettivo è il primo posto in classifica, valido per accedere alla promozione diretta, come conferma il presidente della compagine genovese Guido Fertonani: «Non ci nascondiamo - ammette il presidente - Sappiamo di partire con i favori del pronostico ma non sarà facile. Il nostro obiettivo resta comunque di portare il grande basket a Genova».
Il primo passo, intanto, è stato fatto: a Genova è sbarcato Rusconi, fiore all’occhiello della campagna acquisti della squadra, rafforzata anche dagli arrivi di giocatori come Ottocento, Cei e Ganguzza.
Il colpo ad effetto del presidente Fertonani, però, rimane senza alcun dubbio Rusconi: il pivot - 38 anni, 2 metri e 6 centimetri - a Genova indosserà la maglia numero 15. É stato per anni un pilastro della nazionale azzurra, e a metà degli anni Novanta ha anche militato per i Phoenix Suns nella mitica Nba americana.
«Sono integro fisicamente - ha sottolineato ieri Rusconi, che l’anno scorso ha militato nel Novara in serie A2 e che a Genova non vede l’ora di scendere in campo- Ho una gran voglia di giocare e contribuire al progetto della famiglia Fertonani di riportare il basket che conta a Genova».
Si punta al primo posto, dunque: non a caso, sul la nuova divisa da gioco della Cambiaso Risso-Effe 2000 quest’anno c’è un grifo (simbolo di Genova) che si staglia sulla croce di San Giorgio. É un richiamo alla mitica Emerson Genova che disputò tre campionati in serie A, l’ultimo nella stagione 1977-78.
In panchina, è stato confermato il tandem composto da Andreas Birgnoli, già compagno di squadra e amico personale di Rusconi, e da Stefano Passiatore. L’esordio stagionale è previsto per stasera alle ore 21, quando al Palacus di via Montezovetto la formazione genovese affronterà il Cremona per il primo turno di coppa Italia.
Per il futuro, però, il basket genovese potrebbe contare anche su un nuovo impianto, più consono alle ambizioni sportive della città: durante la conferenza stampa di presentazione della Cambiaso Risso, Paolo Striano, assessore allo Sport del Comune di Genova, ieri ha infatti ventilato la possibilità che un nuovo palazzetto dello sport venga costruito proprio a Genova, per venire incontro alle esigenze di chi pratica basket, pallavolo e tennis indoor.
«L’amministrazione comunale vuole investire nello sport e nel basket in particolare - ha infatti detto Striano - In questa ottica si inserisce il progetto di un nuovo impianto in grado di rispondere alle esigenze di realtà importanti per la città come le nostre squadre di basket e pallavolo, sempre alla ricerca di strutture all’altezza che a Genova scarseggiano».
L’assessore, che ha sottolineato come a Genova la pallacanestro sia seconda solo al calcio, ha anche ricordato che a Genova manca ancora un palcoscenico di prestigio, degno di questo sport così seguito: «Ovviamente - ha concluso l’assessore - dovranno esserci i presupposti economici e logistici ma senza dubbio il nostro intendimento è questo».