La Russa e Gelmini Fiori per Pedenovi

Il consigliere provinciale Enrico Pedenovi era un «nemico», perché missino. Il suo volto e il suo indirizzo erano stati pubblicati da Lotta continua su «una lista di proscrizione» dal titolo «Pagherete tutto», contenente nomi, immagini, indirizzi e abitudini di un centinaio di militanti della destra milanese. Un commando di Prima linea lo uccise il 29 aprile del 1976. Domenica, alle 18, a Palazzo Isimbardi, Ignazio La Russa, Mariastella Gelmini e Giovanni De Nicola ricorderanno quest’altra vittima dell’antifascismo militante.