«La Russa farà come De Mita: eletto qui si dimenticò di noi»

Gentile dottor Lussana, a proposito della destra separata in Camera, per la sciagurata scelta dell’on. Ignazio La Russa di optare per la Liguria e non per il suo naturale collegio Lombardo, mi associo a quanto scritto dal presidente spezzino di An Fabio Greco e al precedente sfogo dello stesso Giacomo Gatti.
Vorrei a proposito ricodare un passato non tanto lontano, dove l’on. Ciriaco De Mita si presentava a Genova e nella sua Cernusco, dove una volta eletto in entrambi i collegi, optava dato le sue radici liguri per Genova, lasciando la Liguria in braghe di tela.
Onde evitare il ripetersi di imbarazzanti situazioni, consiglierei l’on. La Russa a lasciare a favore di Giacomo Gatti che insieme al coordinatore regionale on. Eugenio Minasso e al senatore Giorgio Bornacin, la Liguria sarebbe, per la prima volta, rappresentata da politici veramente radicati nel territorio dalla Spezia a Ventimiglia, e non da tarocchi SiculoLombardo. La ringrazio anticipatamente della Sua ospitalità e nella fondata speranza che l’on La Russa ci ripensi, per il bene nostro e del partito, porgo cordialità.