«Russatori a rischio Test per guidare»

«La nostra percezione di sonnolenza non corrisponde alla sonnolenza effettiva». Lo ha detto Francesca Ingravallo, medico legale dell’università di Bologna, al convegno svoltosi all’ospedale Niguarda. In Italia «tra i due e i quattro milioni soffrono di apnee notturne, sono i cosiddetti “grandi russatori”». Ma, ha proseguito l’esperta, «le persone che ne soffrono possono guidare senza doversi sottoporre a nessun controllo». Nonostante l’assenza di una normativa europea «in alcuni Paesi europei, come, ad esempio, Francia, Spagna, Regno Unito e Svezia, chi soffre di malattie del sonno, come la narcolessia e le apnee notturne, viene segnalato e deve sottoporsi a controlli e trattamenti per poter guidare.