Russia: l'inventore del Kalashnikov festeggia i 90 anni

L'inventore dell'omonimo fucile automatico Ak-47, protagonista della maggior parte dei conflitti degli ultimi decenni, l'ingegnere vive a Izhevsk, nella regione del Volga dove si trova la fabbrica che da 60 anni sforna le armi che portano il suo nome, brevettate nel 1947

Compie oggi 90 anni Mikhail Kalashnikov, inventore dell'omonimo fucile automatico Ak-47, protagonista della maggior parte dei conflitti degli ultimi decenni. Soddisfatto della sua invenzione, l'ingegnere russo viene festeggiato a Izhevsk, nella regione del Volga, dove si trova la fabbrica che da 60 anni sforna le armi che portano il suo nome. In suo onore viene oggi aperta una fiera delle armi sportive, con una mostra dei più famosi modelli di kalashnikov. Nato in una famiglia contadina nella regione dell'Altai, l'ingegnere Kalashnikov sognava di costruire trattori. Ma nel 1942, dopo essere stato ferito dai nazisti, cominciò a pensare ad un nuovo tipo di fucile automatico, che riuscì a brevettare solo nel 1947. «Novant'anni? sono molti o pochi. Non saprei dire. Ho l'impressione di essere vissuto a lungo, ma anche poco. Nonostante tutto posso ancora a lavorare nella nostra fabbrica e dedicarmi alla formazione dei giovani», ha detto Kalashnikov alle agenzie stampa russe. L'ingegnere non ha mai goduto dei frutti economici della sua invenzione, anche se il kalashnikov è stato adottato nel 1949 dall'esercito sovietico, il suo fucile automatico è una delle armi più diffuse del mondo, compare sullo stemma di alcuni stati, e vanta innumerevoli tentativi d'imitazione.