Russia È morto Gaidar: reintrodusse il mercato in Urss

È morto improvvisamente a 53 anni, fulminato da una trombosi cerebrale, l’economista russo Egor Gaidar. Nel novembre 1991, quando aveva solo 35 anni, fu nominato vicepremier da Boris Eltsin e avviò una terapia-choc di privatizzazioni che reintrodusse il mercato nell’Unione Sovietica, destinata a dissolversi un mese più tardi. Gaidar fu poi premier ad interim fino al dicembre 1992, quando Eltsin, di fronte alla diffusa insoddisfazione dei russi impoveriti, preferì sostituirlo con il collaudato burocrate di era sovietica Viktor Cernomyrdin.