Rutelli: meno tasse già in Finanziaria Continua lo scontro nell'Unione

Puntuale come i rincari sulle spalle degli italiani, arriva l'ennesima promessa di un uomo del governo: "Bisogna ridurre la pressione fiscale e tenere sotto controllo la spesa". Ma a sinistra c'è chi non vuole sentir parlare di tagli

Roma - Già nella prossima Finanziaria dovrà esserci un "messaggio di riduzione della pressione fiscale". Lo dice il vicepremier e presidente della Margherita, Francesco Rutelli, salendo a bordo della nave affittata dai Dl per l’inaugurazione della festa del partito. "Si può fare - dice Rutelli - si può mettere sotto controllo la spesa e fare una manovra molto attenta alla difesa del potere d’acquisto delle famiglie, soprattutto delle famiglie a reddito medio-basso". Rutelli insiste: "Bisogna ridurre la pressione fiscale e tenere sotto controllo la spesa, come chiedono gli italiani. Penso ci siano le condizioni per fare una Finanziaria in cui la priorità sia dare alle famiglie e agli italiani un impulso per la crescita e una difesa del potere d’acquisto".

"Welfare: sbagliato manifestare il 20 ottobre" Rutelli ribadisce la sua opinione negativa sulla manifestazione organizzata dalla sinistra radicale il 20 ottobre. "Ho detto - spiega il presidente della Margherita parlando appunto della manifestazione sul protocollo del welfare che si terrà ad ottobre - che si tratta di una iniziativa sbagliata. È sbagliato quando c’è tanto da fare per il paese, per la famiglia, per l’economia e la ripresa dell’Italia, che una parte della coalizione contesti tutto quello che di buono questo governo ha fatto». Rutelli, prima di intervenire ufficialmente alla festa della Margherita che si terrà da oggi a sabato nella provincia di Salerno, lancia un appello alla sinistra radicale: «richiamiamo questa forza a fare la propria parte e a servire il paese in positivo».