Ryanair, gratis un volo su 10 con la nuova carta di credito

A Pisa la quarta base italiana. Scalo toscano verso la quotazione

da Milano

Per annunciare nuovi collegamenti dall’Italia e il lancio di una carta di credito, Michael O’Leary, amministratore delegato di Ryanair, si è confermato personaggio un po’ bizzarro facendosi fotografare in bicicletta, coi piedi sul manubrio e la lingua di fuori. Il successo allenta i freni inibitori ed egli non si è trattenuto dallo sfottere l’Alitalia e i suoi azionisti definendo «soldi sprecati» l’aumento di capitale che la compagnia italiana si appresta a varare e prevedendo che le perdite continueranno, rendendo necessari aumenti «ogni due o tre anni». Il successo di Ryanair è comunque indiscutibile e decretato da un giudice inflessibile: il mercato. Nell’esercizio in corso la compagnia low cost irlandese conta di trasportare 35 milioni di passeggeri, di cui 10 milioni da e per l’Italia, che ora è il suo secondo mercato. La crescita è continua: per il 2006 è atteso l’arrivo in flotta di altri 20 Boeing 737, mentre sono in corso colloqui con una settantina di aeroporti in Europa per l’avvio di nuovi collegamenti.
Ieri è stata annunciata la nuova base di Pisa, quarta in Italia e quattordicesima in Europa. L’aeroporto di Pisa - come ha detto il suo ad Giogio Ballini - deve a Ryanair la propria crescita (passeggeri raddoppiati in sei anni, a quota 2,3 milioni) e indica come innovativo modello di business quello di partecipare agli investimenti promozionali della compagnia. A Pisa, scalo a capitale pubblico, Giancarlo Cimoli, ad di Alitalia, si è spesso riferito come esempio di distorsione del mercato e della concorrenza. Ballini ieri ha detto di aver formalmente diffidato Cimoli, attraverso i propri legali, e di aver poi avviato colloqui con l’Alitalia per nuove forme di collaborazione. Egli ha anche annunciato per la primavera prossima la quotazione in Borsa dell’aeroporto Galileo Galilei; global coordinator sarà Caboto. La nuova base Ryanair di Pisa porterà 42 voli in più a settimana, 300mila ulteriori passeggeri all’anno, 150 nuovi posti di lavoro. Pagando con la nuova carta di credito Ryanair-Visa il primo volo sarà gratuito (tasse escluse), e poi sarà gratuito un volo ogni dieci.