Sì all’Opa di Gas Natural su Endesa

da Milano

L'Opa di Gas Natural sul 100% del capitale di Endesa non comporta alcun rischio in Italia, né «orizzontale», poiché la prima opera essenzialmente nel settore gas e la seconda in quello elettrico, né «verticale», considerando la scarsa rilevanza di un'eventuale integrazione degli approvvigionamenti di gas che Gas Natural potrebbe garantire alle centrali di Endesa Italia. È questo, in sintesi, il parere che l'Autorità antitrust italiana ha formulato nella riunione del 22 dicembre scorso, che sarà pubblicato all'inizio del nuovo anno. L'anticipazione giunge dall'agenzia di stampa spagnola Europa Press e da Quotidiano Energia. La vicenda risale al 20 settembre scorso, quando, a 15 giorni dall'annuncio dell'Opa di Gas Natural su Endesa, l'Antitrust di Lisbona chiese alla Commissione Ue di poter valutare gli effetti dell'operazione in Portogallo. Bruxelles comunicò la richiesta all’Antitrust degli altri Paesi Ue interessati. Alla domanda dell'esecutivo comunitario rispose positivamente, il 7 ottobre, l'Antitrust italiana. Ma 20 giorni dopo la stessa Commissione Ue, dopo aver «attentamente valutato» possibili impedimenti alla concorrenza in Portogallo e in Italia, decise di respingere entrambe le richieste.