Sì alla gara per il Wi-Max

Disco verde del Tar del Lazio alla gara per le frequenze a banda larga Wi-Max indetta dal ministero delle Comunicazioni. Il tribunale ha respinto la richiesta, avanzata da Mgm Productions e da Altroconsumo, di sospendere la delibera dell’Autorità per le tlc che ha fissato le regole del bando di gara. In attesa dell’udienza in cui i ricorsi saranno discussi nel merito, l’iter per l’assegnazione delle licenze può proseguire. Mgm Productions, società detentrice di una licenza Wi-Max in Germania, contesta l’assenza nel bando di gara di regole che tutelino gli operatori minori, vale a dire di misure in grado di limitare il potere anche nella tecnologia wireless dell’ex monopolista Telecom e dei gestori mobili Vodafone, Wind e H3g. Secondo Mgm, nel regolamento non ci sarebbero paletti volti a impedire che alla gara partecipino operatori Umts, già detentori di frequenze su cui offrire la banda larga in mobilità.