«S. Giovanni, silenzio vergognoso»

«Sulla scomparsa di una giovane donna di trentasette anni deceduta qualche giorno fa in sala operatoria all’ospedale San Giovanni, a seguito di un intervento di parto cesareo, è calato sia da parte dell’azienda ospedaliera che dell’assessore alla Sanità un silenzio inquietante». Lo dichiara il consigliere regionale dell’Udc Massimiliano Maselli, membro della Commissione Sanità, che sul caso ha già presentato un’interrogazione urgente indirizzata all’assessore Augusto Battaglia. «Visto che la gravità del fatto ha messo in moto un’indagine della magistratura – prosegue il consigliere Maselli - mi meraviglio che né da parte dell’ospedale San Giovanni né da parte dell’assessore alla Sanità sia stata avviata un’analoga indagine di tipo conoscitivo per verificare se esistano responsabilità di carattere amministrativo e sanitario. Mi chiedo anche perché non si è ritenuto opportuno, in attesa dei riscontri, sospendere cautelativamente dal servizio gli operatori sanitari dell’equipe che ha eseguito il nefasto intervento». «Non vorrei - conclude Maselli - che dietro il silenzio calato su questa vicenda, si nasconda un ulteriore squallido tentativo di non far emergere responsabilità precise e purtroppo frequenti in un mondo della sanità governato dal caos e dalla assoluta mancanza di linee guida e di indirizzo».