Ségolène «incompetente manifesta» altri intellettuali lasciano la sinistra

Ieri è sceso in campo anche il filosofo, critico del modernismo, Alain Finkielkraut, per dire che la candidata socialista all’Eliseo, Ségolène Royal, è di una «incompetenza manifesta» e per dirsi «vicino» al candidato della destra, Nicolas Sarkozy. Nei giorni scorsi il quotidiano Libération aveva parlato delle «conquiste» fatte da Sarkozy «tra gli ex-intellettuali di sinistra»: l’ex «nuovo filosofo» André Glucksmann, il teorico della liberazione sessuale Pascal Bruckner, lo scrittore Max Gallo. «Alcuni intellettuali hanno la memoria corta», ha risposto oggi il presidente dei deputati socialisti, Jean-Marc Ayrault, senza fare nomi, ma riferendosi probabilmente a quegli «ex intellettuali di sinistra» citati da Libération Sono - affonda polemico Ayrault - «quegli stessi “intellettuali” che, nella loro gioventù gauchiste, hanno sostenuto i peggiori regimi totalitari senza farne ammenda onorevole», e che ora «hanno paura che una donna diventi presidente».