S’illumina il Santuario di Santa Margherita

Dopo un anno e mezzo di lavori, la Basilica di Santa Margherita il santuario di Santa Maria della Rosa, si mostra nuovamente nel suo originale splendore, in particolare per quello che riguarda la cupola e i transetti laterali, rimessi completamente a nuovo. La cupola, che aveva subito infiltrazioni di umidità e da cui si erano distaccati frammenti di rosoni, è stata ristrutturata all’esterno e all’interno. Tutti i rosoni sono stati ancorati e messi in sicurezza, mentre quelli danneggiati sono stati ricostruiti. Durante i lavori, sono stati anche restaurati gli affreschi raffiguranti i quattro Santi Evangelisti, alla base della cupola, ed è stato ricostruito internamente ed esternamente il cupolino. Alcune di queste opere, inizialmente non preventivate, si sono rivelate necessarie durante l’esecuzione dei lavori, realizzati dalla ditta «GR Restauro Conservativo» di Genova, con la direzione tecnica dello Studio Stella e la supervisione della Soprintendenza per i Beni e le Attività Culturali di Genova.
In questi giorni invece è in fase di ultimazione il modernissimo impianto illumino-tecnico che darà nuova luce e splendore alla Basilica. L’impianto, il cui progetto è dell’ingegner Ferruccio Rocca, su un’idea dell’architetto francese Roland Jéol, è stato realizzato con elementi luminosi della fabbrica italiana Targetti. Il nuovo impianto è collegato a un sistema di controllo informatizzato, che ne permette una gestione ottimale; i proiettori sono posizionati in modo da ottenere un’illuminazione omogenea dell’altare maggiore, delle tre navate, dei numerosi affreschi sulle volte, dei pregiati quadri degli altari laterali, delle statue e dei bellissimi stucchi e rilievi di cui la Basilica è stata arricchita nei secoli. Per molti sammargheritesi vedere la Basilica così illuminata, sarà come scoprirla per la prima volta. Queste opere sono state realizzate grazie ad una donazione privata e alla generosità dei parrocchiani e degli ospiti che in questi mesi hanno voluto lasciare un’offerta finalizzata a questi lavori.
La prima accensione del nuovo impianto avverrà in occasione del Concerto di Natale, domenica prossima alle 16, eseguito dal Coro Polifonico Pietrese e dall’Orchestra Castrum Petrae.