Sì al nuovo buono scuola Rimborsi spese fino al 50%

Via libera al nuovo buono scuola. Il sì arriva dalla commissione Cultura della Regione, presieduta da Daniele Belotti (Lega Nord), che stabilisce modalità e criteri del nuovo buono scuola, e prevede per gli anni 2005-2006 uno stanziamento di bilancio pari a 40milioni e 124mila euro. Ad usufruire di questo contributo - che in taluni casi può arrivare a un rimborso del 25 per cento delle spese sostenute (50% per i redditi familiari Isee al di sotto di 8.348 euro) - saranno le famiglie con un reddito inferiore o uguale a 46.597,62 euro (indicatore Isee), pari a circa 30mila euro pro capite per componente di famiglia (vale a dire una famiglia di quattro persone può ottenere il contributo con un reddito annuale familiare fino a 120mila euro). Il contributo massimo è di 1.050 euro. Per accedere al buono scuola, che richiede una spesa pari o superiore a 208 euro, è necessario che la famiglia che ne fa richiesta risieda in Lombardia e che l'istituto si trovi nella nostra regione o in regioni confinanti. Le spese rimborsabili sono tasse, rette, contributi di iscrizione e relative ai soli contributi di gestione e di funzionamento se riferite alle scuole elementari parificate e parificate-paritarie. Non è ammesso invece il rimborso per le attività di doposcuola, gite, trasporti e cibo o di spese in caso di corsi universitari, post diploma o di formazione professionale. Nell'anno scolastico 2004-2005 le domande finanziate sono state 51.912. «Anche quest'anno - ha detto Belotti - viene dato un importante contributo per favorire la libera scelta degli studenti lombardi».