Sì del Pirellone al piano sanitario

Il consiglio regionale ha approvato il Piano socio sanitario 2007-2009 che ha votato ben 238 emendamenti e 61 ordini del giorno. Tra le linee guida, il potenziamento del sistema domiciliare, grazie al sistema dei buoni e voucher. Nel campo delle fragilità aumenta il peso che viene dato alla psichiatria, anche infantile, alla promozione di corretti stili di vita (lotta al fumo e all’alcol), inclusi i disturbi dell'alimentazione. Attenzione particolare è rivolta alle malattie cardio-vascolari e oncologiche. Una delle novità è l'istituzione di un Centro unico di prenotazione regionale, che contribuirà ad abbattere i tempi di attesa. Nuova l’organizzazione del 118 e il potenziamento dei pronti soccorsi pediatrici. «Il documento - commenta il relatore, Pietro Macconi - riafferma la centralità del modello sussidiario del welfare lombardo».