S. Salvatore in Lauro Cartoline del gran tour dall’Ermitage

La Roma emblematica raccontata dal fiammingo Johannes Lingelbach, con i monumenti più celebrati dell’architettura antica liberamente riuniti a far da sfondo alla piazza del mercato. Ma anche la Venezia azzurrata dipinta dall’austriaco Schindler, i romantici paesaggi marini del francese Vernet, amato dai russi. L’Italia ammirata dai viaggiatori russi del Gran Tour è di scena a Roma, con una raccolta dell’Ermitage, in gran parte inedita per il pubblico italiano, esposta da oggi al 22 febbraio nei Musei di San Salvatore in Lauro. Visioni del Gran Tour dall’Ermitage (1640-1880). Paesaggi e gente d’Italia nelle collezioni russe , racconta tre secoli di viaggi e fascinazioni dei russi dell’epoca imperiale. In tutto 60 opere cui si aggiungono alcune fotografie firmate da Enrica Scalfari, elaborazione contemporanea dello stesso tema, che danno anche il senso di come si sono trasformate oggi alcune di quelle vedute, dal Quirinale al Pantheon per Roma, la piazza del Duomo a Milano, Piazza della Signoria a Firenze.