Sabato notte contro la droga, 30 ex tossicodipendenti nei quartieri

Questa notte il gruppo della Comunità Cenacolo di Saluzzo cercherà di avvicinerà i ragazzi disagiati per aiutarli ad uscire dal tunnel. Iniziativa promossa dalla parrocchia di San Giuseppe della Pace e dal Comune di Milano. De Corato: «Prevenire il consumo tra i giovani»

Avvicineranno i giovani disagiati, per aiutarli ad uscire dal tunnel della droga. Una trentina di ex tossicodipendenti della Comunità Cenacolo di Saluzzo questa notte gireranno alcune vie e quartieri della città per portare il loro esempio positivo a chi non riesce a vedere un futuro. L'iniziativa è organizzata dalla parrocchia di San Giuseppe della Pace di via Pier della Francesca e ha il patrocinio del Comune di Milano perchè, spiega il vicesindaco Riccardo De Corato, «lancia un messaggio che va nella stessa direzione seguita dal Comune, che ha voluto fortemente un'ordinanza che sanzionasse anche l'uso personale di stupefacenti in pubblico, un provvedimento di prevenzione pensato innanzitutto per tutelare i giovani».
Per il consumo e l'acquisto di droga in luogo pubblico, solo da novembre sono state inflitte complessivamente circa 200 multe da 500 euro l'una. É finito con due arresti invece un controllo effettuato questa notte da una pattuglia dei vigili in via San Dionigi. Due clandestini marocchini sono stati arrestati mentre si trovavano a bordo di un auto guidata da un'italiana di 41 anni. Uno dei due extracomunitari, di 22 anni e senza permesso di soggiorno, è stato trovato in possesso di circa 40 grammi di sostanza stupefacente, presumibilmente cocaina. L'altro, di 33 anni, era inottemperante a un decreto di espulsione emesso dalla questura. «Si conferma - afferma De Corato - un legame costante tra clandestini e reati, fortissimo quando si tratta di droga. Da quest'anno sono 473 gli irregolari coinvolti solo a Milano in episodi che destano allarme sociale. La nostra città è oggi una della maggiori piazze europee per spaccio e consumo di droga».
Nel 2008 la Polizia di Stato ha quasi triplicato i sequestri di eroina (da 59 a 157 chilogrammi), decuplicato quelli della cocaina (da 68 a 660 chili) e quasi raddoppiato quelli dell'hashish (da 603 a 1084). Secondo i dati della Prefettura a Milano i reati legati allo spaccio nel primo trimestre del 2009 sono però calati del 36 per cento rispetto al periodo precedente. «Risultati ottenuti grazie a un maggior presidio del territorio da parte delle forze dell'ordine, vigili, militari e volontari della sicurezza», conclude il vicesindaco.