Sabato sarà proclamato il vincitore del Premio letterario «Ri.P.Di.Co»

Le cinque opere finaliste della Va edizione sono: «Avamposto» di Roberta Mani e Roberto Rossi; «Le stanze del cielo» di Paolo Ruffilli; «Processo a un'idea» di Giovanni Panebianco; «L'ultimo dei Rutti» di Bruno Capponi e «Vita di un giudice» di Gian Carlo M.Rivolta.

Sono cinque i finalisti della quinta edizione del Premio letterario «Ri.P.Di.Co», destinato agli scrittori che si occupano del tema della giustizia.
Il vincitore verrà scelto fra di loro sabato 16 luglio, nella cerimonia che si terrà nel Porto di Civitavecchia.
L'ideatore del riconoscimento, Umberto Apice, presidente del Centro studi di diritto fallimentare e societario di Roma e direttore scientifico della Rivista Parlata di Diritto Concorsuale ( Ri.P.Di.Co), annuncia quali sono le opere in concorso: «Avamposto» ( editore Marsilio)di Roberta Mani e Roberto Rossi; «Le stanze del cielo» ( editore Marsilio) di Paolo Ruffilli; «Processo a un'idea» ( Francesco Brioschi editore) di Giovanni Panebianco; «L'ultimo dei Rutti» (Mursia editore) di Bruno Capponi e «Vita di un giudice» (Sugarco edizioni) di Gian Carlo M.Rivolta.
Il premio viene assegnato ogni anno ad un'opera che riguarda temi attinenti alla giustizia, che sia ambientata nel mondo della giustizia o che, comunque, offra spunti di riflessione sui problemi di questo settore.
La cinquina dei finalisti viene scelta dalla Giuria composta da quindici membri, tra magistrati, giuristi, scrittori, giornalisti, docenti universitari e avvocati.
Durante la serata della premiazione saranno presentate le opere scelte, intervistati gli autori e letti stralci dei loro libri. Seguiranno le operazioni di voto e la proclamazione del vincitore.
Ci saranno anche, alla Fontana Vanvitelli del Porto di Civitavecchia, momenti di musica con i brani di jazz e musica varia eseguiti dal pianoforte di Tiziano Leonardi e dal sassofono di Stefano Nanni, prima della cena finale.