Sabbia italiana in vendita su e-bay

Molti tedeschi non vogliono più venire in Italia e così hanno trovato un modo per portare le spiagge a casa loro. Un po’ alla volta. È un fenomeno che è diventato rilevante solo da poco, quando su internet hanno cominciato a vendere souvenir delle spiagge italiane, con tanto di fotografia. Entrando sul sito d'aste on line e-bay Germania, basta digitare «sand aus italien» o «sand weltweit» per concorrere all'acquisto di sacchetti di sabbia prelevati in diverse spiagge italiane. Questo commercio sta spaventando Legambiente. L’associazione ambientalista ha scoperto infatti che sul sito si vende, a prezzi stracciati, sabbia rubata dal lido di Capoliveri all’isola d’Elba. L’inchiesta è andata avanti e gli scrupolosi militanti di Legambiente hanno scoperto altre spiagge che attirano la nostalgia teutonica. Si vendono anche sacchi di sabbia dei lidi di Ferrara o della spiaggia di Pollara a Salina. Per la Sardegna sono all’asta campioni sottratti sulla costa di Arbus (Cagliari), in Costa Smeralda e a Porto Taverna, vicino a San Teodoro, sulle coste del Nuorese.