La Sabina fa festa ai suoi gioielli: il vino e l’olio nuovi

«La Festa dell’Olio e del Vino novello della Sabina», è la manifestazione organizzata questo fine settimana a Magliano Sabina per tutti coloro che vorranno degustare l’olio e il vino nuovo insieme ai piatti tipici della cucina sabina, magari allietati da spettacoli folcloristici. A 63 km da Roma, la città reatina di Magliano Sabina, è situata su un colle a 220 metri di altitudine, da dove si ammira un incantevole panorama in un vastissimo orizzonte. Anche per questa edizione 2005 il Comune, con il contributo della Regione Lazio, in collaborazione con la Cantina Vini dei Colli Sabini, l’associazione Giostra del Gonfalone e l’associazione Centro Anziani, con la partecipazione dell’Ais (Associazione italiana sommelier), propone un evento dedicato a due tra i prodotti più peculiari della zona, il vino che dal 1996 si fregia della denominazione doc «Colli della Sabina» e gli olivi della zona danno ogni anno ingenti quantità di olio extravergine di oliva, dal bassissimo tasso di acidità, il cui pregio e qualità sono stati di recente riconosciuti con il marchio dop. La manifestazione sarà inoltre una piacevole occasione per visitare il Museo Civico Archeologico, ascoltare i concerti di Sabina Musica Festival, scoprire il ricco patrimonio artistico, storico e ambientale della Sabina, visitando ad esempio la Cattedrale dei Sabini del XV secolo, la Chiesa di San Liberatore costruita agli inizi del ’500, la Chiesa di Santa Maria delle Grazie risalente al XV secolo, la Chiesa di Santa Maria Assunta con i suoi affreschi settecenteschi e la Chiesa di San Pietro (XII secolo), uno dei monumenti più antichi della città.