Sabotaggio ferma ancora l’export del petrolio dal Sud

Bagdad. Disagio in Irak, dove ieri vaste zone nel centro e nel Sud del Paese sono rimaste senza elettricità in seguito a una serie di azioni di sabotaggio contro i piloni elettrici. Le esportazioni di petrolio dal Sud del Paese sono state sospese. Fonti portuali della società che gestisce i campi petroliferi nell’Irak meridionale hanno precisato che le operazioni di pompaggio del greggio si sono arrestate già dalle 7 di ieri mattina. Mahmoud Al-Saadi, portavoce del ministero dell’Elettricità, ha dichiarato che «le ragioni della mancata erogazione di elettricità a Bagdad e in alcune province meridionali sono da attribuirsi ad azioni di sabotaggio contro i tralicci ad alta tensione. Sono in corso i lavori. Abbiamo già riparato il 25 per cento dei danni e nelle prossime ore apporteremo altri miglioramenti».