Sabotati gli impianti di Primocanale

Sabotato l'impianto di trasmissione principale di Primocanale: è accaduto nella notte tra venerdì e sabato quando ignoti si sono introdotti nella struttura situata sul monte Fasce che ospita le apparecchiature di alta frequenza che permettono di irradiare il segnale su Genova e il resto della Liguria. A darne notizia in una nota è la stessa emittente televisiva.
Sull'episodio indaga la Digos di Genova.
La tecnica con cui è stato studiato il sabotaggio - si legge nel comunicato emesso da Primocanale - lascia pensare che non si tratti di un atto vandalico, bensì di un gesto intimidatorio preciso, compiuto da chi ha una discreta conoscenza di apparecchiature tecniche.
Secondo quanto ricostruito, ignoti hanno prima spaccato una maniglia e dopo essersi avvicinati al ricovero degli apparati hanno rotto il condotto dell'aria posto a tre metri di altezza, riempiendolo di sabbia e sassi.
Fermandosi l'impianto di aerazione, le apparecchiature di trasmissione sono andate in blocco facendo mancare il segnale sul canale principale, 63 vhf, che serve Genova e Savona.
A causa della successiva sospensione dell'energia elettrica il segnale di Primocanale è sparito anche dalle province di Imperia e La Spezia. Ieri mattina i tecnici di Primocanale hanno provveduto a ripristinare il servizio mettendo in funzione gli impianti di riserva.
Resta ora da capire che cosa ci sia davvero dietro questo atto vandalico. Infatti la polizia cercherà di capire se coloro che hanno danneggiato gli impianti si riconoscono in un qualche movimento politico, oppure se siano espressione della delinquenza organizzata.