Sacchetti va al Mantova e Novellino si infuria

L’amministratore delegato Marotta: «Non abbiamo mai illuso nessuno, era un problema d’età»

Emmanuele Gerboni

Stefano sacchetti se ne va. Novellino non gradisce, avrebbe gradito qualcosa di diverso: «Mi è dispiaciuto, avrei voluto che fosse rimasto. È un giocatore ancora importante, molto duttile, che sa offrire il suo contributo in tutti i ruoli della difesa». Beppe Marotta replica che non c’è stato trucco o inganno: «Non abbiamo illuso nessuno, ci è dispiaciuto anche a noi ma Sacchetti sapeva che era per una questione legata all’età». Lui, il protagonista, non dice niente ma Stefano Sacchetti ha già messo una bella firma nel contratto che lo legherà al Mantova, neopromossa in serie B, per i prossimi due anni. E, adesso, Marotta lavorerà per consegnare a Novellino un altro jolly per tutte le stagioni. Ma qualunque alternativa, fino ad ora, non ha soddisfatto l’allenatore. Intanto si guarda avanti, cioè alle punte: Bazzani va o resta? Perché tutto dipende dal finale di un altro balletto estivo, quale sarà il futuro di Vincenzo Iaquinta? È sempre più friulano. Seguite il ragionamento. Adesso c’è pure Zamparini che invita Diego della Valle a muoversi per Luca Toni. Che passerebbe alla Fiorentina oppure al Milan. Mentre al Palermo metterebbero le cose a posto con Makinwa. In questo gioco di scambi incrociati e bomber che si scambiano le maglie, il puzzle sarebbe completo e Bazzani rimarrebbe sempre al punto di partenza. Puoi vederla come vuoi questa storia, ma, in fondo a quella pagina fatta di possibilità, acquisti, ipotesi, c’è sempre lo stesso risultato: Bazzani, per il momento, rimarrà alla Samp. «Sicuramente partirà con tutta la squadra per il ritiro di Moena», ha confessato Beppe Marotta, amministratore delegato blucerchiato. Che ha pure ammesso, comunque, un’altra cosa. Il mercato finisce il trentuno agosto, annusare in giro l’affare sarà la parola d’ordine. E lo stesso discorso è applicabile anche per gli altri ruoli. Il desiderio è di consegnare a Novellino tutta la rosa al completo per il raduno in programma giovedì prossimo (a proposito, il giorno dopo ci sarà il gran galà: una Samp in smoking che si presenterà ai tifosi blucerchiati nello stadio di Marassi dalle 21) ma c’è anche la consapevolezza che qualcosa potrebbe arrivare anche nel mezzo del cammino. Aspettando di conoscere se il Perugia avrà ancora un futuro anche se il primo verdetto della Covisoc ormai è chiaro: fuori dalla serie B. L’interesse c’è perché negli umbri gioca Gennaro Delvecchio che scalpita: «E’ un giocatore che interessa alla Samp ma anche a tante altre squadre. Vedremo nei prossimi giorni», ha concluso Marotta. Cambiamo argomento anche se c’è ancora tanto blucerchiato sullo sfondo. Applausi a Giovanni Invernizzi e Attilio Lombardo, grandi giocatori che stanno diventando grandi allenatori. Hanno ottenuto, infatti, il patentino di 1° categoria nel supercorso di Coverciano. Promossi con voti alti dopo aver discusso due tesi molto interessanti. Lombardo ha analizzato il ruolo dell’ala destra nel calcio italiano, mentre Invernizzi ha presentato la relazione finale sulla gestione di una squadra Primavera. Abbonamenti. Ieri si è conclusa la fase del rinnovo delle sottoscrizioni, è stata raggiunta quota 15.384. Dal 13 luglio inizierà la vendita libera che durerà fino al 19 agosto.