Sacchi: "Non esistono squadre invincibili ma i nerazzurri temano solo loro stessi"

A Nel calcio non esistono le squadre invincibili, esistono invece le squadre come l’Inter, che possono e devono temere solo se stesse ed eventuali cali di tensione, attenzione ed interesse per un campionato che sembra segnato dall’evidente dominio tecnico e fisico dei neroazzurri.

B La sfida Roma-Juve per il secondo posto sarà decisa dalla Champions. Ranieri può lavorare sodo e in modo programmato 7 giorni su 7, Spalletti dovrà dividersi su due fronti: è una differenza che può lasciare il segno sulla classifica. La Roma è la squadra che mi diverte di più e che considero la migliore nel rapporto qualità-prezzo, la Juve mi sembra più concentrata sul risultato che sul gioco e l’organizzazione.

C Il quarto posto è possibile per il Milan ma a condizione che cominci a vincere e in modo continuo nei prossimi mesi.

D Pato può e deve risultare utile. Conosco bene Sissoko, l’ho seguito in Spagna, è un «tappon», uno che tappa il buco, non fa gioco. Maniche è solo una precauzione per squadre ricche.

E Inter e Milan hanno le stesse possibilità di successo finale, la Roma deve scalare la montagna Real Madrid, inglesi e spagnoli restano i miei favoriti.