Il "sacco" dei covi del raìs 500 elaborate, materassi quadri e vasche da bagno

Pezzo per pezzo i ribelli smontano i rifugi (e l'immagine di Gheddafi): dall'ultimo bunker del Colonnello salta fuori anche un album fotografico dedicato alla sua passione segreta: Condoleeza Rice <strong><a href="http://www.ilgiornale.it/fotogallery/i_ribelli_covo_colonnello/id=3307-f... target="_blank">GUARDA LE IMMAGINI
</a></strong>

Quadri del Colonnello distrutti, pareti sventrate, vasche a idromassaggio divelte. Dove non è arrivata la potenza esplosiva delle bombe sganciate degli aerei sono giunte le mani dei ribelli. Il declino e la caduta di Gheddafi viaggiano anche attraverso le foto della sua "intimità violata", dei suoi privilegi distrutti e razziati dal popolo inferocito. Proprio nel momento in cui il raìs scompare e ricompare come un fantasma, ma senza mai farsi vedere, con minacce audio inviate alle tv, la caduta dell'uomo che ha tenuto in scacco per 40 anni la Libia è raccontata dai simboli del potere che vengono abbattuti, disintegrati o rubati. La 500 verde rivoluzione appositamente rielaborata per il Colonnello viene spinta per le vie martoriate di Tripoli come trofeo di battaglia. Il compound di Bab Al-Aziziya, l'ultimo indirizzo conosciuto prima della fuga, è "violato" dai ribelli che si fanno ritrarre vicino alle spoglie del simbolo supremo dell'arroccamento della dittatura. Un go kart distrutto, la traccia lasciata da una grande vasca da bagno portata via e i lampadari di cristallo divelti dalle esplosioni e spogliati dagli "sciacalli". E poi sbucano anche la passioni segrete di Gheddafi: un album fotografico totalmente dedicato all'ex segretario di Stato americano Condoleeza Rice viene mostrato ai reporter dai ribelli. E l'immagine di Gheddafi, pezzo dopo pezzo, si scompone come un puzzle.