Sacconi: paniere ad hoc per le pensioni minime

Un paniere Istat studiato su misura per
le pensioni minime: è questa la proposta del ministro del
Welfare, Maurizio Sacconi, che vuole sganciare i redditi bassi
dal tasso di inflazione: "Ci
sono giù delle simulazioni dell’Istat"

Roma - Un paniere Istat studiato su misura per le pensioni minime: è questa la proposta del ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, che vuole sganciare i redditi bassi dal tasso di inflazione. "Siamo consapevoli che la tutela delle pensioni minime è una priorità - dice Sacconi in un’intervista a Italia Oggi - stiamo pensando di sganciarle dal tasso di inflazione oggi applicato e di legarle a un’inflazione nuova, ovvero alla crescita dei prezzi di un paniere di beni e servizi ah hoc, quelli di cui effettivamente fanno consumo i pensionati di quella fascia. Ci sono giù delle simulazioni dell’Istat".

La proposta di Sacconi Il ministro Sacconi si è detto "consapevolie della priorità della tutela delle pensioni minime. "Stiamo pensando - anticipa - di sganciarle dal tasso di inflazione ad oggi applicato e di legarle ad una inflazione nuova. Ovvero alla crescita dei prezzi di un paniere di beni e servizi ad hoc, quelli di cui effettivamente fanno consumo i pensionati di quella fascia". In un'intervista rilasciata a Italia Oggi Sacconi ha anche parlato della possibilità di "accordi sindacati-imprese per dare sussidi a chi resta senza lavoro": il tema degli ammortizzatori sociali è "tra i primi punti dell’agenda dell’autunno. E non è però detto che debbano essere solo finanziati con soldi pubblici". Sul fronte della previdenza, ed in particolare del conferimento del tfr ai fondi integrativi "stiamo studiando - indica ancora il ministro - le forme di una reversibilità che dia maggiori garanzie di ripensamento".