Il sacerdote partito in guerra

Giuseppe Carraro nacque a Mira (provincia di Venezia e diocesi di Treviso) il 26 giugno 1899. Figlio di una famiglia modesta, entrò in seminario a Treviso nell’ottobre del 1910. Il 17 giugno del 1917, quando non aveva compiuto ancora 18 anni, fu arruolato e rimase nell’esercito fino al 13 aprile 1920, quando rientrò in Seminario. Il 31 marzo 1923 fu ordinato sacerdote. Fu quindi inviato come aiuto parroco a Castelminio di Resana e, nello stesso tempo, iniziò gli studi presso l’università di Padova, dove conseguì la laurea in Scienze naturali . Dal 1928 in poi insegnò varie materie (lettere, scienze, matematica) nel seminario di Treviso. Nel 1944 divenne Rettore. Il 12 aprile 1956 monsignor Carraro fu nominato vescovo e il 15 dicembre 1958 Giovanni XXIII, eletto Papa dopo la scomparsa di Pio XII, lo chiamò a reggere la diocesi di Verona. Fu in prima linea, nei soccorsi alle popolazioni, dopo il disastro del Vajont, le alluvioni di Firenze e del Cadore, i terremoti del Belice, del Friuli e dell'Irpinia. Carraro morì nel dicembre del 1980. Attualmente è in corso la causa di beatificazione.