«Sacre dimore», tour in musica

Nei week end fino al 27 agosto concerti con l’orchestra Beethoven protagonista. Il 25 giugno serata al monastero di Pontida

Pamela Dell’Orto

Prendete le dimore sacre più suggestive della Lombardia. Prendete l’orchestra Ludwig van Beethoven diretta dal maestro Adriano Bassi e disponete i suoi musicisti su un palcoscenico. Mettete sui leggii gli spartiti con le note inedite dei compositori della Scuola sinfonica lombarda vissuti fra ’700 e ’800. Poi mettete il pubblico, l’organizzazione della Fondazione Mongini e il contributo dell’assessorato alla Cultura della Regione Lombardia. Avrete una delle più suggestive manifestazioni culturali dell’estate. «Sacre Dimore». Un appuntamento (completamente gratuito) per ogni domenica fino al 27 agosto, con le musiche selezionate dal maestro Bassi e dal maestro Filippo Ravizza. Un’occasione - ideata e curata da Rosantonia Baroni - per visitare alcuni angoli fra i più affascinanti della Lombardia (informazioni al 348.3836051).
Primo appuntamento sabato 25 giugno alle 21 a Pontida. Nell’affascinante cornice di un monastero benedettino dell’XI secolo, che ha visto nascere fra le sue mura la Lega Lombarda nel 1167. Colonna sonora una serie di concerti: la sinfonia numero 3 per archi di Antonio Brioschi, il concerto I in sol maggiore per flauto traverso ed archi e i concertino II e III di Sammartini, e la sinfonia in fa maggiore per archi di Giorgio Giulini.
Sabato 2 luglio, sempre alle 21, sarà la volta di Ossuccio. Un piccolo borgo situato in uno degli angoli più affascinanti del lago di Como, sull’isola comacina, la «Zoca de l’Oli»: uno specchio d’acqua e una coltivazione di ulivi. L’orchestra Beethoven suonerà nel Santuario della Madonna del Soccorso, un complesso di quattordici cappelle oggi affidate ai frati cappuccini, sul Sacro Monte. Anche qui una serie di sonate, trii e quartetti allieteranno la serata sullo sfondo di bellissimi dipinti del Cinquecento e della statua in marmo bianco della Madonna che, nascosta ai tempi delle invasioni, fu ritrovata da una fanciulla sordomunta che ebbe subito in dono la parola.
Sabato 9 luglio i concerti dell’orchestra Ludwig saranno all’abbadia Cerreto, a due passi da Lodi, dove poco dopo l’anno Mille si insediarono i monaci benedettini per volere della nobile famiglia dei conti di Cassino. Rifondato nel primo Medioevo da Bernardo di Clairvaux, il monastero oggi si presenta con forme pulite e rigorose e culmina in ampie volte che richiamano il cielo. Il pubblico si potrà godere le note di compositori come Benincori, Carlo Monza, Gaetano Piazza e Sammartini.
Domenica 23 luglio si potrà invece raggiungere l’abbazia di Morimondo, a un passo da Milano. Il luogo, scelto dai benedettini nel 1134, era nato come «filiale» dell’abbazia francese cistercense di Morimond. Il pubblico sarà seduto fra le volte delle tre navate a croce latina, guarderà verso l’abside rettangolare, e potrà godersi le opere d’arte custodite dai monaci per secoli, come lo storico lavabo del tredicesimo secolo, oggi adibito ad acquasantiera, o l’affresco attribuito a Bernardino Luini con la Madonna e il Bambino.
Poi, il 30 luglio alle 21, sarà la volta della chiesa cinquecentesca di San Pietro e Paolo a Ronchetto delle Rane, antico borgo agricolo nell’estrema periferia milanese, dopo Gratosoglio. Un’altra abbazia medievale, antica sede degli Umiliati poi ceduta ai benedettini olivetani, quella di Viboldone, farà da cornice al concerto del 7 agosto alle 15 e 30. Appuntamento al Sacro Monte di Varese invece domenica 20 agosto dalle 18 e 30, al monastero delle Romite ambrosiane, immerso nel suggestivo viale delle Cappelle, meta per secoli dei pellegrini di tutt’Italia. «Sacre Dimore» si concluderà il 27 agosto alle 21, con un concerto nella chiesa Centro di spiritualità don Guanella a Barza d’Ispria vicino a Varese.

Annunci

Altri articoli